Il nostro sito utilizza i cookies per garantire un migliore servizio. INFO

Un cuoco infernale in paradiso

Intervista a Carlo Cracco

Sbarca ad agosto nell’esclusivo Forte Village Resort di Santa Margherita di Pula, il cuoco infernale di Hell’s Kitchen, l’arbitro inflessibile di MasterChef, Carlo Cracco, chef pluristellato e pluri papà.

A poche ore dalla nascita del suo quarto figlio, Cesare, gli chiediamo, il segreto del suo successo. << Il segreto non so se esiste, ma se c’è, me lo tengo stretto! – risponde sorridendo – Sul lavoro e nella vita è un po’ come essere nella cucina di un ristorante, dove lavorano insieme anche diciotto persone. Per portare avanti i progetti, è necessario avere una squadra affiatata e credere in quello che si fa. Il lavoro non è solo opportunità economica ma crescita personale>>.

Tutti conoscono Cracco per la sua severità, è così anche nella vita di tutti i giorni? << Sono molto peggio, perché qui è realtà – risponde – Io non sono severo, sono serio! >>

Al Forte Village, Carlo Cracco terrà delle esclusive cooking class per gli ospiti, ci può dare anticipazioni? << Voglio far divertire e dare la possibilità ai partecipanti di tornare a casa e replicare quello che hanno sperimentato. Voglio mostrare come si può interpretare una ricetta. Voglio proporre piatti belli, freschi, importanti ma reali>>

Nella sua carriera Cracco ha già incontrato qualche discepolo d’eccezione? << Per primo citerei Luca Sacchi che è diventato il mio braccio destro. In merito a Matteo Grandi, il nuovo chef executive di Hell’s Kitchen, posso dire che è molto determinato e capace. >>.

Tutti quanti almeno una volta nella vita si sono chiesti…ma cosa mangia un super chef se resta una sera a casa da solo? << Non mangia! É triste magiare da soli. Al massimo si può bere un caffè >>.

Agosto al Forte Village sarà anche per il nostro super chef occasione di relax.  << Sarà un vero piacere andare sui go cart e giocare a tennis. Io seguo un po’ tutti gli sport. Certo il calcio ha sempre più attenzioni anche se tra la Nazionale e il Milan, non è andata benissimo>>.

Turismo, cultura e food, anche per Cracco sono elementi essenziali per il rilancio dell’economia nazionale?  << Sono le tre cose che non si possono spostare! Ed è puntando su questi tre territori che si può iniziare a ripartire. Certo se bastasse solo questo, saremo a cavallo, ma noi…non siamo ancora arrivati al maneggio>>. Ma dopo tante domande resta ancora da svelare qual è l’ingrediente del sex appeal di Cracco, il cuoco più amato dal pubblico femminile. << Mangiare bene?>> – risponde ironicamente– poi dopo un attimo e con la consueta serietà << Il grande amore. Il mio amore per Rosa! L’amore migliora e mantiene belli>>.